Adolescenti e salute sul web, Diagno//Click, Ricerca | Family Smile
727
post-template-default,single,single-post,postid-727,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Family Smile presenta Diagno//Click: la salute in un click

Family Smile presenta Diagno//Click: la salute in un click

Nasce Diagno//click, un’iniziativa di Family Smile rivolta ai giovani e alle famiglie per un utilizzo consapevole del web nel campo della salute. 

Una ricerca sui comportamenti giovanili per monitorare il rapporto degli adolescenti con la salute via internet. Diagno//click, promossa e curata da Family Smile,  grazie a un’idea della Prof. ssa Roseline Ricco e a un progetto di Andrea Catizone e Giada Briziarelli, mira a restituire una fotografia attendibile di come gli adolescenti, nella fascia d’età tra i 15 e i 18 anni, “cliccano” in rete informazioni riguardo identità personale e notizie mediche.
Quindici domande rivolte agli studenti della scuola superiore di secondo grado di 11 regioni italiane (13 Istituti superiori) per svelare come i giovani di oggi si muovono in rete e apprendono da internet informazioni, più o meno attendibili, sulla loro salute. Malattie sessualmente trasmesse, controllo del peso corporeo, dipendenza dall’alcool, omosessualità, disagi psicologici, nuove droghe, questi sono solo alcuni dei temi sotto l’attenta osservazione di Family Smile che si avvale proprio della collaborazione della Dott.ssa Roseline Ricco, psicologa e formatrice.
L’idea originale è stata pensata con lo scopo di delineare il profilo dello studente moderno che colma le proprie lacune di conoscenza in materia di salute in rete e cerca di trovare risposte virtuali evitando accuratamente il confronto genitoriale. L’avvocato Andrea Catizone spiega le motivazioni dell’iniziativa: “I temi della salute e della costruzione identitaria sono troppo delicati per essere demandati ad un click. Nel mese di ottobre, sarà consegnato un questionario anonimo ai ragazzi nelle scuole che hanno aderito alla ricerca. A questo seguirà uno studio e una vera e propria formazione al fine di realizzare veri e propri interventi educativi per arginare i rischi dell’informazione parziale che può offrire la rete”.
Le regioni coinvolte sono Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, LazioCalabria, Campania, Sicilia e Sardegna. Sono rappresentate da Istituti Scolastici che hanno con entusiasmo sposato l’ambizioso progetto, volto a promuovere un nuovo approccio alla salute e il cui scopo è aiutare ad utilizzare in modo responsabile il linguaggio di internet. “E’ la prima volta – aggiunge l’avvocato  Giada Briziarelli che viene realizzata una ricerca su un argomento così importante come la salute, utilizzando un campione così vasto di adolescenti in tutta Italia.  I  giovani devono imparare a discernere quali informazioni trovate nel web siano realmente valide”.  Il ruolo della scuola, dei suoi educatori e delle famiglie sarà strumento necessario e credibile per dare al progetto quella forza e autorevolezza necessaria per costruire un nuovo modello consapevole di consultazione del sapere.

Diagno//click, la salute in un click

 

No Comments

Post A Comment