Articolo dell'Ansa sulla ricerca Diagno//Click - Family Smile
1919
post-template-default,single,single-post,postid-1919,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Articolo dell’Ansa sulla ricerca Diagno//Click

Articolo dell’Ansa sulla ricerca Diagno//Click

(ANSA) – ROMA, 15 GIU – Il 77% dei giovani ricerca sul web notizie e informazioni sulla salute. È quanto emerge dall’indagine «Diagno-clic: quando i giovani interrogano il web per rispondere ai problemi di salute» promossa da Family Smile con il patrocinio dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza su un campione di 1713 ragazzi tra i 13 i 19 anni e i cui risultati sono stati presentati oggi a Roma. Le informazioni più ricercate riguardano la forma fisica (27% ragazze e ragazzi), l’alimentazione (26% ragazze-17% ragazzi) la sessualità (14% ragazzi- 10% ragazze), le malattie sessualmente trasmissibili (11% ragazzi-9% ragazze) l’ alcol e le droghe (12% ragazzi-8% ragazze), le medicine e farmaci (11% ragazzi-8% ragazze). Analizzando le fasce d’età emergono differenze: il 72% delle quindicenni,ad esempio, ricerca notizie sull’alimentazione contro il 28% dei ragazzi,mentre il 63% dei quindicenni ricerca notizie sulla sessualità contro il 37% delle coetanee. Il 33% dei ragazzi e il 34% delle ragazze, inoltre, afferma di navigare su siti di tutti i tipi per cercare informazioni relative alle malattie. Il 92% spiega di cercare informazioni sul web per la possibilità di accedervi 24 ore su 24, solo il 2% riconosce alle notizie sul web una maggiore affidabilità, ma dopo la ricerca il 91% si dichiara ansioso perché non sa come gestirle, l’88% rassicurato perché ha comunque ottenuto risposte e l’82% confuso perché non e’riuscito a comprendere a pieno. Solo il 45%, poi, dichiara di sentire il bisogno di confrontarsi con i genitori. «L’importanza dell’indagine è data dal fatto che parla direttamente agli adolescenti» ha spiegato il presidente dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza Vincenzo Spadafora, mentre la presidente di Family Smile Andrea Catizone ha evidenziato che dalla ricerca, prima in Europa sul tema, «emerge un concetto di salute per i ragazzi come stato ideale di benessere», aggiungendo che si sta pensando una app con informazioni certificate per i giovani.

PDF ANSA 15 giugno 2015 Diagno click

No Comments

Post A Comment