Assistenza ai disabili: che cos’è il congedo biennale?
2280
post-template-default,single,single-post,postid-2280,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Assistenza ai disabili: tutto quello che c’è da sapere sul congedo biennale

Assistenza ai disabili, congedo biennale, coniugi

Assistenza ai disabili: tutto quello che c’è da sapere sul congedo biennale

Il congedo biennale per assistenza al disabile è una agevolazione prevista dall’articolo 4 comma 2 della legge 53/2000. Ma più precisamente che cos’è, e chi sono i soggetti legittimati o meno a fruire di tale beneficio? 

Assistenza ai disabili: che cos’è il congedo biennale?

Il congedo biennale per assistenza al disabile è una agevolazione che la legge 53 del 2000 ha previsto per i dipendenti di datori di lavoro pubblici o privati, che hanno gravi e documentati motivi familiari. Consiste in un periodo di congedo non superiore a due anni, continuativo o frazionato, durante il quale il dipendente  conserva il posto di lavoro e percepisce un indennizzo pari alla retribuzione   dell’ultimo mese di lavoro.

 Chi può usufruire del congedo biennale?

Il congedo biennale potrà essere richiesto prima di tutti dal coniuge convivente con il soggetto con handicap in situazione di gravità accertata ai sensi della L. 104/1992. Se manca il coniuge convivente (per mancanza, decesso o patologie invalidanti) possono fruire del congedo il padre o la madre, anche adottivi, della persona disabile e se anche questi ultimi dovessero trovarsi in una situazione di mancanza, decesso o presenza di patologie invalidanti, subentrano nel diritto i fratelli o sorelle conviventi. Se, poi, nessuno di questi soggetti potesse prendersene cura, la Corte costituzionale (sentenza 203/2013) ha riconosciuto legittimati a fruire del congedo il parente o l’affine entro il terzo grado conviventeRequisito fondamentale per ottenere tale congedo è la convivenza, ossia la residenza, luogo in cui la persona ha la dimora abituale, ai sensi dell’art. 43 cod. civ. A tale requisito fanno eccezione solo i genitori gli unici che possono essere esentati.

Non possono, invece, fruire del congedo il convivente more uxorio, i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari, i lavoratori a domicilio, i lavoratori agricoli giornalieri, i lavoratori autonomi, i lavoratori parasubordinati.

Per maggiori informazioni sul congedo biennale o per farti assistere da uno dei nostri professionisti, potrai compilare questo form oppure inviarci una email a info@familysmile.it

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono

Oggetto (richiesto)

Messaggio (richiesto)

Informativa sulla Privacy ai sensi del D.Lgs 196/2003
Dichiaro di aver letto l'informativa e sono consapevole che il trattamento dei dati è necessario per ottenere il servizio proposto. A tal fine, nel dichiarare di essere maggiorenne, fornisco il mio consenso.

Acconsento

 

 

No Comments

Post A Comment