Tamponamento:nessuna responsabilità all'automobilista fermo
2830
post-template-default,single,single-post,postid-2830,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Automobilista: nessuna responsabilità per l’automobile ferma in caso di tamponamento a catena

automobilista tamponamento a catena

Automobilista: nessuna responsabilità per l’automobile ferma in caso di tamponamento a catena

In caso di tamponamento a catena, l’automobilista che resta fermo non ha nessuna responsabilità. Infatti la presunzione di corresponsabilità tra i veicoli coinvolti non si applica all’auto ferma se il suo conducente sia riuscito a arrestare la macchina senza scontrarsi con quella che lo precede. Lo ha stabilito il Giudice di Pace di Milano nella sentenza 4856 del 14 maggio 2016.

Automobilista: nessuna responsabilità se resta fermo senza scontrarsi con quello che lo precede in caso di tamponamenti a catena

Il Giudice di Pace con la sentenza 4856/2016 richiama, infatti, una sentenza resa dalla Corte di Cassazione di qualche anno fa (4021/2013), secondo la quale “in tema di circolazione stradale, nell’ipotesi di tamponamento a catena tra veicoli in movimento trova applicazione l’art. 2054, comma 2, c.c., con conseguente presunzione iuris tantum di colpa in eguale misura di entrambi i conducenti di ciascuna coppia di veicoli (tamponante e tamponato), fondata sull’inosservanza della distanza di sicurezza rispetto al veicolo antistante, qualora non sia fornita la prova liberatoria di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno”.

 

No Comments

Post A Comment