Large Image With Sidebar - Family Smile
16178
paged,page-template,page-template-blog-large-image,page-template-blog-large-image-php,page,page-id-16178,page-child,parent-pageid-1815,paged-21,page-paged-21,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Large Image With Sidebar

E’ nulla la notifica della cartella di pagamento se l’agente notificatore si limita solamente ad annotare sulla busta che il contribuente risulti "sconosciuto sui citofoni" e "sconosciuto in loco", perché da queste espressioni non si può giungere alla conclusione che il destinatario della notifica sia irrintracciabile. E’ necessario, invece, che l’agente notificatore dimostri di aver effettuato tutte le necessarie ricerche. Lo si legge nell’ordinanza n. 24082/2015 della sesta sezione civile della Cassazione. 

L’automobilista che si rifiuta di sottoporsi all’alcoltest non può considerarsi ubriaco e quindi non gli si può addebitare l’aggravante di aver causato l’incidente, prevista, invece, per il reato di guida in stato di ebbrezza dall’articolo 186 comma 2bis del codice della strada. A stabilirlo sono le Sezioni Unite penali della Cassazione con la sentenza 46625/2015

Dal 2016 se il prezzo dell’affitto è superiore a quanto risulta dal contratto di locazione registrato, l’ulteriore accordo sarà nullo e l’affittuario potrà farsi restituire dal proprietario, entro sei mesi dalla scadenza del contratto e riconsegna dell’abitazione, le somme pagate in più. È quanto prevede un emendamento alla Legge di Stabilità del 2016, che verrà approvata in questi giorni dalle Camere.

Dopo la separazione o il divorzio, il genitore al quale il giudice ha fissato l’obbligo di pagare un assegno di mantenimento per il figlio, non può pretendere la riduzione di quest’ultimo per il periodo in cui il minore conviva presso di lui. E’ quanto affermato dal Tribunale di Milano con la sentenza del 1 luglio 2015.

Stop al pagamento dell’Imu e della Tasi sia per i separati costretti dal giudice a cedere la propria casa all’ex coniuge collocatario dei figli, e sia sulle seconde case che verranno concesse in comodato d’uso a figli o genitori. In quest’ultimo caso, infatti, il fatto che vi abiti un parente in linea retta escluderà l’imposizione fiscale anche se non si tratta della prima casa. Sono queste le due principali novità inserite come emendamenti alla Legge di Stabilità 2016 e che verranno discussi nei prossimi giorni dal Parlamento.