Blog - Family Smile
1815
paged,page-template,page-template-blog-large-image,page-template-blog-large-image-php,page,page-id-1815,page-parent,paged-18,page-paged-18,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Blog

Anche gli aiuti economici che i genitori donano ai figli, devono essere sempre dimostrati e giustificati per non incorrere in un accertamento fiscale ossia nel cosiddetto redditometro, quando, cioè, non si riesce a dimostrare la provenienza dei redditi. Di seguito qualche consiglio utile per dimostrare che il denaro in più è frutto di donazioni da parte dei genitori.

In Italia sono sempre più famiglie che scelgono di istruire i propri figli a casa senza avvalersi del sistema scolastico. Infatti i genitori che scelgono la c.d. homeschooling sono circa un migliaio con un incremento del 65% negli ultimi anni. In altri Paesi, invece, il fenomeno è decisamente più diffuso: negli Stati Uniti sono circa 2 milioni, 70 mila in Inghilterra, 60 mila in Canada, 3 mila in Francia e 2 mila in Spagna (dati relativi al 2012). 

Con la legge di Stabilità 2016 arrivano anche le esenzioni e agevolazioni Imu e Tasi sulla seconda casa se è stata data in comodato d’uso ai figli o  se concessa in locazione con il cosiddetto canone concordato, soltanto, però, in alcune città definite “ad alta tensione abitativa” ovvero quelli indicati dal decreto legge n. 551/88 come per esempio Bari, Bologna, Catania, Genova e altre. Di seguito chi potrà usufruire di tali agevolazioni .