Bonus famiglia: a gennaio 2017 nuove agevolazioni
2920
post-template-default,single,single-post,postid-2920,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Bonus famiglia: a gennaio 2017 nuove agevolazioni

Bonus famiglia: a gennaio 2017 nuove agevolazioni, Family Smile

Bonus famiglia: a gennaio 2017 nuove agevolazioni

Bonus famiglia, nel 2017 arrivano le nuove agevolazioni

Il 2017 porterà nuove agevolazioni per i neo-genitori: bonus gravidanza o premio alla nascita, bonus nido fondo credito bebè. Sono queste le principali misure per le famiglie, che vanno ad aggiungersi alle preesistenti per chi sta per diventare o per chi è diventato da poco genitore. Di seguito tutte le agevolazioni sia nuove che già esistenti per le famiglie con figli minori.

Da gennaio 2017 per le famiglie con figli minori sono previste nuove agevolazioni e confermate quelle già preesistenti. Tra le nuove troviamo: il bonus gravidanza o premio alla nascita che consiste in un assegno erogato una volta sola di 800 euro, riconosciuto per i nati dal 1° gennaio 2017 e la domanda per richiederlo potrà essere inviata a partire dal settimo mese di gravidanza; il Bonus nido (diverso dal contributo per l’asilo nido già preesistente e che viene riconosciuto al posto della fruizione del congedo parentale) che è un voucher fino a 1.000 euro l’anno, erogato per 11 mensilità (quindi pari a circa 91 euro al mese) riconosciuto per i primi tre anni del bambino, per aiutare le famiglie ad affrontare il costo della retta degli asili nido pubblici e privati; il fondo credito bebè che è un incentivo per i prestiti agevolati richiesti per coprire le spese legate all’arrivo di un bebè.

I genitori, però, potranno continuare a usufruire anche di quelle già preesistenti: bonus bebè, ossia un assegno erogato mensilmente ai genitori con un figlio minore di 3 anni; voucher babysitter e contributi per l’asilo nido che sono delle misure alle quali si ha diritto se, al posto di chiedere il congedo parentale, la madre ha scelto di affidare il bambino a una babysitter o a un asilo nido e hanno un valore pari a 600 euro mensili e sono riconosciuti per un massimo di 6 mesi (3 mesi, per le lavoratrici autonome e per le libere professioniste iscritte alla Gestione separata dell’Inps), mentre per le lavoratrici part time, i contributi sono ridotti proporzionalmente all’orario di lavoro.

Per maggiori info su quali requisiti bisogna avere per richiedere tali benefici e come e dove compilare la domanda, inviaci una email a info@familysmile.it

No Comments

Post A Comment