Bonus prima casa|Family Smile
421
post-template-default,single,single-post,postid-421,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Bonus prima casa: cosa succede in caso di separazione

Bonus prima casa: cosa succede in caso di separazione

Se volete dei chiarimenti sul bonus prima casa in caso di separazione, contattate Family Smile. Family Smile è raggiungibile telefonicamente al numero 06.3217380 oppure inviando una email a info@familysmile.it, o semplicemente cliccando sulla casella contatti 

La Corte di cassazione, con l’ordinanza 8620 dell’11 aprile 2014, ha chiarito un punto delicato con riguardo alle cause di decadenza dal bonus prima casa. Invero nel caso di separazione dei coniugi, si legge che essa rientra tra le cause di decadenza dal beneficio, se il contribuente ha ceduto l’immobile acquistato con l’agevolazione “prima casa” entro il quinquennio e non ha provveduto a un nuovo acquisto entro l’anno successivo.

La Corte sul punto ha precisato che la separazione coniugale, nei casi di vendita entro il quinquennio dell’immobile acquistato con i benefici “prima casa”, senza provvedere ad acquistare un altro immobile entro l’anno successivo, da adibire ad abitazione principale, non rappresenta una causa di forza maggiore tale da esonerare dall’obbligo di versamento dell’imposta complementare di registro. La causa di forza maggiore può essere invocata solo a seguito di impedimenti oggettivi, imprevedibili e inevitabili e non per meri motivi soggettivi.

 

No Comments

Post A Comment