Irpef|Family Smile
428
post-template-default,single,single-post,postid-428,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Bonus Renzi da 80 euro: a chi spetta e come richiederlo

Bonus Renzi da 80 euro: a chi spetta e come richiederlo

Il Bonus di 80 euro di sgravi Irpef promessi dal governo Renzi, verrà riconosciuto automaticamente in busta paga a partire da maggio 2014. Per chi non ha la busta paga dovrà fare richiesta in sede di dichiarazione dei redditi. A fissare le regole pratiche per attuare il provvedimento del Governo, la circolare 8/E del 28 aprile 2014 dell’Agenzia delle Entrate. Il testo della circolare è disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.it. 

Il bonus di 80 euro introdotto dal Dl 66/2014 varato dal Governo Renzi per la riduzione del cuneo fiscale nel 2014, riguarda tutti coloro che hanno un lavoro dipendente (pubblico o privato), con un contratto a termine o indeterminato, ma anche soci di cooperative, percettori di borse di studio, premi o sussidi per fini sempre di studio o di tirocinio e chi riceve compensi per collaborazioni coordinate o continuative, lavori socialmente utili o ha una retribuzione come religioso.

Sono esclusi da tale bonus: i lavoratori autonomi, i pensionati e il popolo delle partite Iva oltre ai cosiddetti incapienti, cioè i contribuenti che hanno un reddito annuo inferiore a 8.145 euro e per questo non pagano imposte (l’Irpef) sul reddito.

Per ottenere questo bonus di 80 euro nette, non vanno presentate domande, ma l’attribuzione in busta paga sarà fatta automaticamente dal datore di lavoro a partire dallo stipendio di maggio, solitamente pagato a fine mese o entro i primi dieci giorni di giugno. Qualora il datore di lavoro, per motivi tecnici, non riesca a inserire il bonus nella prima busta paga in pagamento, dovrà versarlo nella successiva, compresi gli arretrati.

Sarà incassato da chi ha un reddito lordo annuo fino a 26mila euro. Il reddito annuo contempla tutti i guadagni conseguiti, anche sommando più datori di lavoro o emolumenti da collaborazioni, escluso solo il reddito della prima casa, del resto già esentato dall’applicazione dell’Irpef.
Infine, chi ha tutti i requisiti per ricevere il bonus ma non ha un sostituto d’imposta, ad esempio perché il rapporto di lavoro si è concluso prima del mese di maggio, potrà comunque richiederlo nella dichiarazione dei redditi per il 2014.

Tags:
,
No Comments

Post A Comment