Conversione dei premi di risultato in benefit per i figli
2768
post-template-default,single,single-post,postid-2768,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Conversione dei premi di risultato in benefit per i figli, per tutti i dipendenti che sceglieranno il welfare aziendale

premi di risultato, benefit per i figli, dipendenti privati, datore di lavoro

Conversione dei premi di risultato in benefit per i figli, per tutti i dipendenti che sceglieranno il welfare aziendale

Dal 15 giugno 2016 i dipendenti potranno scegliere di convertire i premi di risultato (soggetti ad imposta sostitutiva del 10% al posto dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali) in benefit per i figli come la scuola, i centri estivi, le gite didattiche, il baby-sitting e le borse di studio o, nel caso di familiari anziani o non autosufficienti, per garantire loro assistenza. E’ quanto chiarito dall’Agenzia delle entrate nella circolare n. 28/E – Premi di risultato e welfare aziendale, articolo 1 commi 182-190 legge di Stabilità 2016.

Conversione dei premi di risultato in benefit per i figli

Con la circolare 28/E, infatti, l’Agenzia delle Entrate, d’intesa con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, introdotta dalla legge di Stabilità 2016, per i titolari di reddito di lavoro dipendente entro la soglia di 50 mila euro. Lo scopo è quello di far conciliare le esigenze della vita familiare del dipendente con quelle lavorative. Ciò significa che i dipendenti potranno scegliere tra una serie di benefit quelli più rispondenti alle rispettive esigenze come, ad esempio, la scuola, i centri estivi, le gite didattiche, il baby-sitting e le borse di studio o, nel caso di familiari anziani o non autosufficienti, per garantire loro assistenza. La legge di Stabilità 2016 ha inoltre previsto la possibilità di erogare i benefit da parte del datore di lavoro tramite documenti di legittimazione in formato cartaceo o elettronico che riportano un valore nominale: i cd. voucher (v. voucher ) . Sarà il dipendente a comunicare al proprio datore di lavoro l’eventuale rinuncia al regime agevolato. In assenza della rinuncia scritta del prestatore di lavoro, il sostituto d’imposta, se sussistono le condizioni previste dalla norma, procede ad applicare l’imposta sostitutiva.

 

No Comments

Post A Comment