Separazione: nessun cambio di serratura prima della sentenza
2771
post-template-default,single,single-post,postid-2771,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Separazione: gli ex coniugi potranno sostituire la serratura della casa familiare solo dopo la decisione del giudice

Separazione nessun cambio di serratura prima della sentenza

Separazione: gli ex coniugi potranno sostituire la serratura della casa familiare solo dopo la decisione del giudice

Prima della separazione é  vietato cambiare la serratura della casa familiare per impedire all’ex coniuge di rientrare a casa, anche se quest’ultimo si è  già  allontanato dall’abitazione. È  necessario, infatti, aspettare che il giudice decida a chi dei due ex coniugi assegnare la casa, altrimenti scatterà il reato di violenza privata punito con la reclusione fino a quattro anni oltre all’illecito civile.

E’ reato e illecito civile cambiare le chiavi di casa prima della decisione di assegnazione della casa familiare da parte del giudice della separazione

Cambiare la serratura di casa prima della decisione di assegnazione della casa familiare da parte del giudice della separazione è, dunque, reato e illecito civile. Infatti contro il coniuge che di propria iniziativa decida di sostituire la serratura dell’abitazione si potrà  sia sporgere querela per violenza privata e sia intentare una causa civile per spossessamento arbitrario. Però  per quanto riguarda l’aspetto penale, grazie al nuovo istituto della “tenuità del fatto” (che prevede che per tutti i reati puniti con meno di cinque anni di reclusione, non si proceda più con il giudizio e la conseguente pena, ma con l’immediata archiviazione del procedimento) il colpevole potrà  contare sul “perdono” trattandosi di un reato di lieve entità.  Tuttavia la fedina penale resta macchiata e la vittima può comunque ricorrere al giudice civile per il risarcimento del danno.

No Comments

Post A Comment