Violenza sulle donne e Femminicidio | Family Smile
1142
post-template-default,single,single-post,postid-1142,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Femminicidio: in aumento in Italia gli omicidi volontari nei confronti delle donne soprattutto in ambito familiare

Femminicidio: in aumento in Italia gli omicidi volontari nei confronti delle donne soprattutto in ambito familiare

In un anno sono aumentate del 14% le donne uccise: 179 nel 2013 rispetto alle 157 del 2012. Praticamente una vittima ogni 2 giorni. Lo ha evidenziato il rapporto dell’Eures (European Employment Services) sul femminicidio in Italia.
Tale rapporto ha rivelato che un aumento considerevole di omicidi volontari nei confronti delle donne, si è consumato soprattutto tra le mura domestiche: si è passati da 105 a 122. Di queste, ottantuno donne, cioè il 66,4% delle vittime dei femminicidi in ambito familiare, hanno trovato la morte per mano del coniuge, del partner o dell’ex partner; la maggior parte per mano del marito o convivente (55, pari al 45,1%), cui seguono gli ex coniugi/ex partner (18 vittime, pari al 14,8%) ed i partner non conviventi (8 vittime, pari al 6,6%). Altre donne, invece, hanno trovato la morte nei rapporti di vicinato, amicizia e lavoro: da 14 a 22. Sono aumentate, però, anche le donne, soprattutto quelle anziane, uccise a seguito di rapine.
Dal rapporto Eures, risulta anche come dal 2013 ci sia stato un raddoppio delle vittime al Centro Italia e al Sud rispetto a prima che si concentravano soprattutto al Nord. Ora, invece, come riporta il dossier “il Lazio e la Campania con 20 donne uccise presentano nel 2013 il più alto numero di femminicidi tra le regioni italiane, seguite da Lombardia (19) e Puglia (15). Ma è l’Umbria a registrare l’indice più alto (12,9 femminicidi per milione di donne residenti). Nella graduatoria provinciale ai primi posti Roma (con 11 femminicidi nel 2013), Torino (9 vittime) e Bari (8). Il femminicidio nelle regioni del Nord si configura essenzialmente come fenomeno familiare, con 46 vittime su 60, pari al 76,7% del totale; mentre sono il 68,2% dei casi al Centro e il 61,3% al Sud (con 46 donne uccise in famiglia sulle 75 vittime censite nell’area). Qui al contrario è più alta l’incidenza delle donne uccise all’interno di rapporti di lavoro o di vicinato (14,7% a fronte del 5% al Nord) e dalla criminalità (18,7% contro l’11,4% del Centro e l’11,7% del Nord)”.
Una crescita significativa, è stata anche l’età media delle vittime di femminicidio: si è passati da 50 anni nel 2012 a 53,4 nel 2013 (da 46,5 a 51,5 anni nei soli femminicidi familiari). Diminuiscono, invece, le vittime con meno di 35 anni.
Poi sempre da tale ricerca, è stato rilevato che si è modificata anche la gerarchia degli strumenti utilizzati per uccidere: “le “mani nude” sono il mezzo più ricorrente, 51 vittime, pari al 28,5% dei casi; in particolare le percosse hanno riguardato il 5,6% dei casi, lo strangolamento il 10,6% e il soffocamento per il 12,3%. Di poco inferiore la percentuale dei femminicidi con armi da fuoco (49, pari al 27,4% del totale) e con armi da taglio (45 vittime, pari al 25,1%)”.
Per quanto riguarda il movente, invece, è stato riscontrato che il più frequente rimane sempre quello passionale o del possesso, seguito dal conflitto quotidiano e da questioni di interesse o denaro.

Se sei vittima di violenze in famiglia o stalking e vuoi ricevere asssistenza, contatta Family Smile.

Family Smile ti aiuta a risolvere ogni tuo problema. Family Smile non è un assistente virtuale né generico. Persone in carne e ossa, ti prenderanno per mano e ti aiuteranno a trovare la soluzione migliore. Sottoscrivendo la nostra tessera ti sarà offerta la prima consulenza gratuita e tutti i nostri servizi professionali a tariffe ridotte. Contattateci alle email g.briziarelli@familysmile.it e a.catizone@familysmile.it oppure cliccate sulla casella contatti oppure compila questo form con la tua richiesta. Sarai contattato il prima possibile.

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono

Oggetto (richiesto)

Messaggio (richiesto)

Informativa sulla Privacy ai sensi del D.Lgs 196/2003
Dichiaro di aver letto l'informativa e sono consapevole che il trattamento dei dati è necessario per ottenere il servizio proposto. A tal fine, nel dichiarare di essere maggiorenne, fornisco il mio consenso.

Acconsento

No Comments

Post A Comment