Giochi senza barriere: il nuovo progetto di studio e formazione rivolto ai bambini di prima e seconda elementare - Family Smile
2558
post-template-default,single,single-post,postid-2558,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Giochi senza barriere: il nuovo progetto di studio e formazione rivolto ai bambini di prima e seconda elementare

giochi senza barriere, bambini, bambini disabili

Giochi senza barriere: il nuovo progetto di studio e formazione rivolto ai bambini di prima e seconda elementare

Giochi senza barriere è un progetto di studio e formazione rivolto ai bambini di prima e seconda elementare diviso in tre fasi la prima di somministrazione ai bambini di semplici questionari da compilare in forma anonima , la seconda di elaborazione dati circa l’attività sportiva, la salute , la conoscenza del corpo e progettazione di una formazione ad hoc per insegnanti e bambini e l’ultima fase con l’organizzazione di una giornata di Giochi senza barriere studiati e strutturati secondo gli obiettivi del progetto cui parteciperanno tutti i bambini più o meno abili.
L’attività fisica a scuola è il momento in cui ci si confronta con i propri limiti e le proprie debolezze e al contempo ci si confronta con gli altri. È interessante rilevare che si comincia a conoscere a scuola il proprio corpo attraverso una consapevolezza delle proprie incapacità o capacità.
L’attività fisica può essere vissuta dagli studenti come una sottolineatura dei propri limiti, del proprio handicap… oppure come un modo per sviluppare armoniosamente sé stessi attraverso l’autostima (intesa come conoscenza dei propri limiti e delle proprie capacità).
L’obiettivo è fare scoprire l’attività fisica istruendo il giovane allo sviluppo armonioso del proprio corpo considerando i portatori di handicap come istruttori ai valori dello sport e alla corporeità.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.