Family Smile

Bollo auto non pagato: quando si prescrivono gli arretrati?

Scritto da Family Smile - lunedì, 21 novembre, 2016

Per un bollo auto non pagato l’Agenzia delle Entrate o la Regione possono chiedere solo gli arretrati degli ultimi tre anni, poiché per le somme dovute anteriormente scattata la prescrizione. Quest’ultima comporta che anche chi non è in regola, viene liberato dall’obbligo di versamento superato un certo periodo di tempo.

Il bollo auto non pagato cade in prescrizione

Il bollo auto non è dovuto se cade in prescrizione. La prescrizione si compie dopo tre anni che iniziano a contarsi dal 1° gennaio successivo a quello in cui il pagamento è dovuto. Però, il termine di prescrizione del bollo auto si interrompe nel momento in cui il contribuente riceve un sollecito di pagamento o una cartella esattoriale. Bisogna sottolineare, inoltre, che anche la cartella esattoriale si prescrive dopo tre anni, che decorrono secondo lo stesso calcolo del bollo auto. Pertanto, con la notifica dell’atto di accertamento interrompe la prescrizione triennale. Se il contribuente non paga l’atto di accertamento, riceverà la cartella esattoriale da parte della concessionaria della riscossione che opera a favore della Regione. Se il cittadino non si oppone nei 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, questa si prescrive in tre anni. Per evitare che qualche sollecito sia stato inviato senza essere stato ricevuto o dimenticato, è bene chiedere un estratto di ruolo all’Agente della riscossione con accesso agli atti amministrativi, per verificare tutte le notifiche eseguite e se le stesse sono avvenute correttamente.

Per maggiori info inviaci una email a info@familysmile.it

 

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn3Email this to someone

Copyright © 2014-2015 Tutti i diritti riservati.

Family Smile associazione - CF 97804010581