Maltrattamenti in famiglia anche per i conviventi|Family Smile
308
post-template-default,single,single-post,postid-308,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Maltrattamenti in famiglia anche per i conviventi

Maltrattamenti in famiglia anche per i conviventi

Family Smile assicura assistenza alle persone vittime di violenza in famiglia. Se hai subito degli atteggiamenti di prevaricazione fisica o psicologica da tuo marito o dal tuo compagno, contattaci per trovare una soluzione adeguata al tuo problema. Potrai scriverci nella casella contatti  oppure inviare una email a info@familysmile.it. Family Smile è anche raggiungibile telefonicamente al numero 06.3217380

Il reato di maltrattamenti in famiglia, previsto dall’articolo 572 codice penale per i reati commessi all’interno della famiglia tra coniugi sposati, può essere applicato anche alle coppie di fatto, cioè le persone che condividono lo stesso tetto in maniera stabile. La finalità della norma è quella di tutelare la serenità e il buon svolgimento della vita familiare qualunque sia la natura della stessa. E’ stato proprio il legislatore a modificare il titolo della norma estendendolo ai conviventi per assicurare piena tutela penale al nucleo familiare inteso in senso largo.
La stessa norma non si applica, invece secondo la Cassazione (sentenza 50333/2013) all’ex marito che abbia commesso atti rientranti nella fattispecie perché, quest’ultimo, non è più considerato membro della famiglia. Per questo tipo di reati si applicheranno diverse tipologie di sanzioni (per esempio quelle del reato di lesioni).

No Comments

Post A Comment