Parcheggi sulle strisce blu: alcune novità
2797
post-template-default,single,single-post,postid-2797,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Parcheggi sulle strisce blu: gratis se il parchimetro non verrà attrezzato per i pagamenti tramite bancomat o carta di credito

Parcheggi sulle strisce blu, pagamento con il bancomat

Parcheggi sulle strisce blu: gratis se il parchimetro non verrà attrezzato per i pagamenti tramite bancomat o carta di credito

Parcheggi sulle strisce blu: ecco le novità

Parcheggi sulle strisce blu: dal 1° luglio se un automobilista parcheggerà sulle strisce blu dove i parchimetri non sono stati attrezzati per i pagamenti tramite bancomat o carta di credito, potrà sentirsi legittimato a sostare gratuitamente senza timore di trovarsi poi una bella multa. Infatti a partire da tale data è scattato l’obbligo per i Comuni, imposto dalla legge di Stabilità 2016, di adeguare i dispositivi di controllo della durata della sosta a pagamento, per consentire i pagamenti con bancomat o carte di credito. Questo obbligo è riportato nell’articolo 901 delle legge di Stabilità secondo il quale “dal 1° luglio 2016, le disposizioni di cui al comma 4 dell’articolo 15 del Dl n. 179/2012, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 221/2012, si applicano anche ai dispositivi di cui alla lettera f) del comma 1 dell’articolo 7 del Codice della Strada”, estendendo dunque ai dispositivi di controllo di durata della sosta, l’obbligo di “accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito”. Lo scopo di tale norma è quello di incentivare i pagamenti elettronici.

No Comments

Post A Comment