Pignoramento: i nuovi limiti su pensioni e stipendi
2820
post-template-default,single,single-post,postid-2820,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Pignoramento: i nuovi limiti su pensioni e stipendi

Pignoramento, i nuovi limiti su pensioni e stipendi

Pignoramento: i nuovi limiti su pensioni e stipendi

Nuove regole per quanto riguarda il pignoramento di pensioni, stipendi e altre somme ad essi assimilati (come TFR, risarcimento del danno da licenziamento illegittimo, indennità che tengono luogo di pensione, assegni di quiescenza, salari, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, ecc.) dopo la riforma del codice di procedura civile. In particolare sono stati inseriti limiti di pignoramento per le pensioni e gli stipendi. Nel caso in cui il creditore, violando questi nuovi limiti, pignori somme superiori a quelle previste dalla riforma, scatta l’inefficacia del pignoramento. Però bisogna fare attenzione perché si tratta di una inefficacia solo parziale, ossia limitata esclusivamente alla parte di somme pignorate oltre i limiti, mentre per quelle entro i limiti il pignoramento resta valido. Inoltre importante sapere che per far valere tale inefficacia non c’è bisogno dell’opposizione e costituzione della parte, poiché essa può essere rilevata anche dal giudice d’ufficio.

Per maggiori info su quali siano i nuovi limiti di pignoramento inviaci una email a info@familysmile.it

No Comments

Post A Comment