Presentazione Diagno//Click: la prima indagine europea su giovani, salute e Web - Family Smile
2997
post-template-default,single,single-post,postid-2997,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Presentazione Diagno//Click: la prima indagine europea su giovani, salute e Web

Presentazione Diagno//Click: la prima indagine europea su giovani, salute e Web

Diagno-click-la-salute-in-un-click-giovani-internet-e-salute

 

I giovani e la salute sul Web”: è questo il titolo del convegno promosso dall’associazione Family Smile che si terrà martedì 27 giugno (ore 17) presso la Sala del Refettorio della Biblioteca della Camera dei deputati.

All’evento, introdotto e moderato dalla presidente dell’associazione, l’avvocato Andrea Catizone, interverranno: Valeria Fedeli (ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), Filomena Albano (Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza), Vanna Iori (parlamentare del Partito Democratico), Maria Rosaria Covello (presidente del tribunale di Viterbo), Daniela Sbrollini (vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera), Valentina Vezzali (parlamentare di Scelta Civica), Maddalena Cialdella (psicologa e psicoterapeuta familiare).

Durante il convegno saranno illustrati i risultati dello studio “Diagno//Click: quando il web influisce sulla costruzione identitaria dei giovani”, la prima indagine europea che analizza il rapporto tra i giovani, la salute e il web, patrocinata dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza e promossa dall’associazione Family Smile. L’indagine, compiuta su un campione di 1.713 adolescenti dai 14 ai 19 anni delle scuole superiori in 10 regioni italiane, disegna uno scenario inedito sulla concezione di salute che hanno i giovani, sulla necessità di accreditarsi attraverso il corpo nei loro mondi di riferimento. Il web un confidente notturno, ma anche uno spazio che non offre risposte consolatorie.

No Comments

Post A Comment