Separazione | Family Smile
665
post-template-default,single,single-post,postid-665,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Separazione: violazione degli obblighi di mantenimento ex articolo 570 c.p., per il marito che non contribuisce a pagare le rate del mutuo della casa coniugale

Separazione: violazione degli obblighi di mantenimento ex articolo 570 c.p., per il marito che non contribuisce a pagare le rate del mutuo della casa coniugale

L’ex coniuge che non contribuisce alle rate del mutuo, rischiando di far perdere la casa familiare alla ex moglie e ai figli, incorre nel reato di violazione degli obblighi di mantenimento previsto dall’articolo 570 c.p. La “casa di abitazione”, infatti, “rientra tra i mezzi di sussistenza che devono essere assicurati al coniuge e ai minori”. E’ quanto stabilito dalla VI sezione penale della Cassazione con la sentenza 33023/2014. Se volete dei chiarimenti in merito a questo argomento, contattate Family Smile. I nostri esperti seguiranno la vostra situazione con professionalità a prezzi convenienti. Family Smile è raggiungibile telefonicamente al numero 06.3217380 oppure inviando una email a info@familysmile.it, o semplicemente cliccando sulla casella contatti

Sussiste il reato ex articolo 570 c.p., anche in ordine al mancato pagamento mensile delle rate di mutuo acceso per l’acquisto della casa coniugale. I giudici della Cassazione con la sentenza 33023/2014, hanno confermato la condanna, inflitta dai giudici di merito, a due mesi più 500 euro di multa, ad un ex marito che per un periodo non aveva versato le somme stabilite dal giudice della separazione e aveva sospeso il pagamento della rata del mutuo. A nulla è valsa la difesa dell’imputato, basata sul fatto che l’accordo di separazione non prevedesse anche il versamento delle rate del mutuo. Secondo la Cassazione, infatti, “tra i mezzi di sussistenza deve ricomprendersi anche l’alloggio familiare, sicchè è responsabile del reato previsto dall’articolo 570 c.p. anche il coniuge che con la sua condotta rischia di far perdere alla moglie e ai figli la casa in cui vivono”.

No Comments

Post A Comment