Stalking e provvedimento di ammonizione del Questore
2873
post-template-default,single,single-post,postid-2873,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Stalking: bastano 19 sms in un mese per configurare tale reato

Stalking, provvedimento di ammonizione del questore

Stalking: bastano 19 sms in un mese per configurare tale reato

Rientra nel reato di Stalking inviare 19 sms in un mese, se tale comportamento ha causato alla vittima un grave e perdurante stato di ansia. Inoltre spetta al Questore, valutare se e quando emanare il provvedimento di ammonizione, ovvero un invito formale a tenere comportamenti e condotte conformi alla legge, come previsto dall’articolo 8 del Decreto legge 11/2009. A confermare l’ammonimento disposto dal Questore nei confronti di una donna che aveva inviato ripetutamente sms molesti a una sua collega, è il Consiglio di Stato con la sentenza 4241/2016.

Stalking e provvedimento di ammonizione del Questore

Il Consiglio di Stato con la sentenza 4241/2016 ha ricordato che le disposizioni dell’articolo 8 del decreto legge n. 11/2009, che ha introdotto la disciplina dell’ammonimento, danno al questore la possibilità di valutare se e quando emanare il relativo provvedimento nell’ambito dei suoi poteri discrezionali. I Giudici hanno anche ribadito come il questore abbia il potere non solo di decidere se applicare o meno tale misura, ma di scegliere se farlo senza indugio o se invece sussistono le circostanze che consentono di avvisare il possibile destinatario dell’atto. Infine sempre i Giudici amministrativi, hanno messo in evidenza come la possibilità di far ricorso al provvedimento di ammonizione si ha anche con riferimento ad episodi che risalgono ad un’epoca antecedente l’entrata in vigore nel nostro ordinamento di tale misura. Questo perché l’ammonizione non soggiace al principio di irretroattività, in quanto non comporta l’irrogazione di una sanzione penale. Ne deriva, quindi, che all’ammonizione si può ricorrere anche per atti anteriori al 2009.

No Comments

Post A Comment