Tassa sui rifiuti, ecco le varie agevolazioni
2582
post-template-default,single,single-post,postid-2582,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Tassa sui rifiuti, ecco come ottenere esenzioni, sconti e riduzioni

tassa sui rifiuti, agevolazioni, sconti, esenzioni

Tassa sui rifiuti, ecco come ottenere esenzioni, sconti e riduzioni

La TARI cioè la Tassa sui rifiuti è una delle tre componenti dell’Imposta Unica Comunale e serve a coprire i costi del servizio di igiene urbana. Non è uguale per tutti i Comuni e si compone di una parte fissa, corrispondente al costo del servizio, determinata secondo la superficie dell’abitazione, o dell’immobile, e da una parte variabile, che deve essere proporzionale alla quantità di rifiuti prodotti. La normativa generale sulla Tari prevede alcuni casi di esenzione e di riduzione, mentre altre ipotesi sono previste dai regolamenti dei singoli comuni. Ecco le principali ipotesi nelle quali è possibile ottenere esenzioni, riduzioni o sconti, e gli adempimenti necessari per accedervi.

Tassa sui rifiuti: ecco tutte le agevolazioni

Sono esentati dalla tassa sui rifiuti i locali e le aree inutilizzabili, cioè un locale senza collegamenti alla rete elettrica, idrica e fognaria, oppure inagibile o inabitabile. Inoltre sono esclusi dal pagamento di tale tassa anche i locali e le aree condominiali (cioè le parti del condominio che non sono utilizzate in via esclusiva, come l’androne e le scale di un palazzo), aree e locali non suscettibili di produrre spazzatura in modo autonomo, come cantine, sottotetti, terrazze e balconi, le aree verdi, i locali e le aree in cui sono prodotti rifiuti speciali che vengono smaltiti dai proprietari a proprie spese, in maniera conforme alle specifiche normative vigenti e gli immobili in ristrutturazione, per il periodo nel quale non sono abitati o occupati, le centrali termiche ed i locali riservati a impianti e macchinari, come il vano ascensore o la cabina elettrica, i locali appartenenti a strutture sanitarie o mediche, sia pubbliche che private e poi anche le aree e i locali destinati a impianti ginnici e sportivi, scuole di danza, ma solo per gli spazi adibiti in modo esclusivo all’esercizio dell’attività sportiva.

Oltre all’esenzione, esistono anche riduzioni e agevolazioni come per esempio abitazioni occupate da una sola persona, case vacanza, immobili occupati da soggetti che risiedono o dimorano all’estero per oltre sei mesi all’anno, fabbricati rurali ad uso abitativo, immobili detenuti da Onlus ed enti assimilabili, locali di culto,  locali commerciali la cui attività esercitata ha subito una forte riduzione a causa dell’apertura di cantieri pubblici, nuclei familiari in condizioni disagiate. Infine ci sono anche ipotesi in cui è possibile richiedere e usufruire di sconti.

Per saperne di più e per conoscere come richiedere l’esenzione, la riduzione o lo sconto compila questo form o inviaci una email a info@familysmile.it

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono

Oggetto (richiesto)

Messaggio (richiesto)

Informativa sulla Privacy ai sensi del D.Lgs 196/2003
Dichiaro di aver letto l'informativa e sono consapevole che il trattamento dei dati è necessario per ottenere il servizio proposto. A tal fine, nel dichiarare di essere maggiorenne, fornisco il mio consenso.

Acconsento

 

No Comments

Post A Comment