Famiglia di fatto | Family Smile
1449
post-template-default,single,single-post,postid-1449,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Tutto quello che c’è da sapere sulla Famiglia di fatto: caratteristiche, diritti e tutele

Famiglia di fatto: tutto quello che c'è da sapere

Tutto quello che c’è da sapere sulla Famiglia di fatto: caratteristiche, diritti e tutele

Quali sono i diritti dei e tra i conviventi? Esistono degli strumenti per tutelarsi fuori dal matrimonio? Di seguito tutto quello che si deve sapere sulle coppie di fatto.

Le caratteristiche della famiglia di fatto

La famiglia di fatto:
• non ha una disciplina giuridica autonoma;
• per alcuni istituti (responsabilità genitoriale, protezione della famiglia…) si applicano le norme previste dal codice;
• tra i conviventi non sorgono diritti né doveri reciproci;
• diritti e doveri sorgono solo nei confronti dei figli verso i quali i genitori esercitano la responsabilità genitoriale;
• dal punto di vista patrimoniale le reciproche obbligazioni rientrano nella disciplina delle obbligazioni naturali (le prestazioni che si ritengono dovute in esecuzione di un dovere morale o sociale);
• se la famiglia di fatto cessa per venir meno del rapporto ciascun convivente non può rivendicare nulla dall’altro;
• se la famiglia di fatto cessa per morte del convivente, il superstite non vanta alcun diritto di successione (salvo sia stato fatto un testamento in suo favore).

Alla coppia di fatto che tipo di rilevanza e riconoscimento giuridico viene dato?

Non è previsto un regime giuridico unitario per le coppie di fatto, ma una serie di interventi, alcuni dei quali passano attraverso gli strumenti di regolamentazione dei rapporti tra privati (negozi giuridici).
Disposizioni speciali disciplinano, di volta in volta, alcuni aspetti della convivenza dandole rilevanza giuridica.
Alcuni esempi:
• l’accesso alla procreazione medicalmente assistita è consentito anche alle coppie conviventi;
• in un processo penale il convivente ha diritto di astenersi dal testimoniare contro il compagno;
• la persona convivente può proporre istanza per la nomina dell’amministratore di sostegno del partner;
• i genitori conviventi esercitano la responsabilità genitoriale nei confronti dei figli riconosciuti da entrambi;
• il convivente può subentrare nel contratto di locazione intestato all’altro, in caso di morte di quest’ultimo;
• la famiglia di fatto gode della tutela possessoria (possono esercitare le azioni volte a accertare il loro diritto di possedere la casa) della casa dove si svolge la convivenza;
• in caso di uccisione del convivente, l’altro ha diritto al risarcimento del danno;
• si applica, anche per le famiglia di fatto, la tutela contro la violenza nelle relazioni familiari;
• la famiglia di fatto usufruisce delle prestazioni dello “stato sociale” (assegnazione di case popolari ecc.);
• in materia di adozione, il minore che sia temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo può essere affidato anche ad una famiglia di fatto.

Come possono tutelarsi le coppie di fatto?

E’ da più di un anno (2 dicembre 2013) che il Consiglio Nazionale del Notariato, ha predisposto dei contratti di convivenza, che possono essere sottoscritti dalle coppie di fatto davanti ad un notaio. Con tali contratti vengono, infatti, regolati gli aspetti patrimoniali relativi alla convivenza nelle famiglie di fatto anche in caso di cessazione del rapporto.
In particolare:
• l’abitazione,
• la contribuzione alla vita domestica,
• il mantenimento in caso di bisogno del convivente,
• il contratto d’affitto,
• la proprietà dei beni, perfino organizzando un regime di comunione o separazione dei beni.
Inoltre, si possono prevedere con testamento anche eventuali clausole a favore del convivente o l’assistenza in caso di malattia attraverso la designazione dell’amministratore di sostegno. E’, infine, possibile tutelare a livello contrattuale la parte debole all’interno della famiglia di fatto.

Se hai dei dubbi o vuoi dei chiarimenti sui contratti di convivenza contatta Family Smile. Family Smile, infatti, ti aiuta a risolvere ogni tuo problema perché non è un assistente virtuale né generico. Persone in carne e ossa, ti prenderanno per mano e ti aiuteranno a trovare la soluzione migliore. Sottoscrivendo la nostra tessera ti sarà offerta la prima consulenza gratuita e tutti i nostri servizi professionali a tariffe ridotte. Contattateci alle email g.briziarelli@familysmile.it e a.catizone@familysmile.it oppure compila questo form con la tua richiesta. Sarai contattato il prima possibile.

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono

Oggetto (richiesto)

Messaggio (richiesto)

Informativa sulla Privacy ai sensi del D.Lgs 196/2003
Dichiaro di aver letto l'informativa e sono consapevole che il trattamento dei dati è necessario per ottenere il servizio proposto. A tal fine, nel dichiarare di essere maggiorenne, fornisco il mio consenso.

Acconsento

 

 

No Comments

Post A Comment